Quando Giulio Cesare scoprì il burro a Milano

Quando era governatore della Gallia Cisalpina, Giulio Cesare venne invitato insieme al suo stato maggiore da Valerio Leonte, una delle massime autorità della città, per una grande cena di “fratellanza” insieme alla grande nobiltà milanese. Agli ospiti vennero offerti degli asparagi, piatto tradizionale milanese, che erano conditi da uno strano inguento, sconosciuto agli ospiti romani che lo giudicarono “maleodorante e disgustoso all’olfatto” e si rifiutarono di continuare la cena.

I milanesi rimasero esterrefatti, anche perchè loro intenzione era di offrire quanto di meglio forniva la cucina tipica della città. Giulio Cesare, per evitare un increscioso incidente diplomatico, si fece forza ed iniziò a mangiare trovando il piatto per niente disgustoso come sembrava.

Alla fine del pranzo Giulio Cesare chiese a Valerio Leonzio che cosa fosse quell’unguento e come venisse ottenuto, e Leonzio gli rispose: “Governatore, quest’unguento si chiama burro ed è prodotto dalle nostre belle e grasse vacche cisalpine“.

MILANO CITTA’ STATO

Leggi anche:
10 città stato del mondo che possono ispirare Milano
Milano città stato: la rivoluzione inevitabile per uno stato allo sbando
E ora Milano città stato! Se non lo fa l’Italia, si può chiederlo all’Europa
Milano città stato sarebbe un bene soprattutto per l’Italia
Primo passo del consiglio comunale verso milano città stato
Corrado Passera: Milano città stato è il più interessante progetto che ci sarà in Europa nei prossimi anni
“Proviamoci. Mi impegnerò personalmente”. Beppe Sala a Milano città stato

VUOI CONTRIBUIRE ANCHE TU A TRASFORMARE IN REALTA’ IL SOGNO DI MILANO CITTA’ STATO?
SERVE SCRIVERE PER IL SITO, ORGANIZZARE EVENTI, COINVOLGERE PERSONE, CONDIVIDERE GLI ARTICOLI, PROMUOVERE L’ISTANZA, AIUTARE O CONTRIBUIRE NEL FUNDING, TROVARE NUOVE FORME UTILI ALL’INIZIATIVA.
SE VUOI RENDERTI UTILE, SCRIVI A INFO@MILANOCITTASTATO.IT (OGGETTO: CI SONO ANCH’IO)

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here