Corso Vittorio Emanuele: i suoi cambi di nome e l’avanguardia pedonale

In epoca romana era l’arteria che portava verso nord-est. Successivamente prese il nome di corsia dei Servi ed era tratto della strada che congiungeva piazza Duomo alla Porta orientale. Il nome veniva dal convento dei servi di Maria, che officiavano la chiesa di Santa Maria.

Dopo i lavori di ampliamento, nel 1830 la strada prese il nome di corso Francesco, in onore dell’imperatore e re Lombardo-Veneto. Con l’unità d’Italia divenne corso Vittorio Emanuele II.
Fu la prima strada di Milano ad essere pedonalizzata, a metà degli anni ottanta.