Quando al mercato si trovavano i gamberi del Lambro

“Bei Gamber del Lamber!” si udiva risuonare nei mercatini di Milano fino alla seconda guerra mondiale. Venivano infatti venduti sulle bancarelle i gamberi del fiume Lambro, a quei tempi non ancora inquinato dalle grandi fabbriche.

Il Lambro ha origine nelle Prealpi Lariane, tra i due bracci del Lago di Como, entra nel lago di Pusiano, esce e attraversa la Brianza toccando Monza, Milano, Melegnano ed infine sfocia nel Po, dopo un tragitto di 130 chilometri.nelle sue acque un tempo si pescavano trote e gamberi. Questi erano uno degli ingredienti principali del famoso risotto alla certosina, con riso, rane, piselli, sedano, carote, aglio, cipolle e vino bianco.

Fonte: www.lagobba.it