Capire la personalità di un milanese dalle sue lampade

A Milano quando il sole splende, splende davvero. Però a volte piove, a volte il cielo è grigio, a volte perfino cala la notte. Allora è il momento delle lampade.

Ma come in ogni cosa, anche nell’illuminazione il milanese vuole affermare la sua unicità. Per questo dal tipo di lampade che si mette in casa si possono capire molte cose su di lui.

lampadeCapire la personalità di un milanese dalle sue lampade

 

#1 Lampada di design

Da scrivania o a terra. Denota rendita o reddito alto splendente e vicinanza con zone di pregio.

#2 Plafoniera con circolina neon

No, non sei finito in un film degli anni Settanta. E’ il tuo affittuario che si è dimenticato dell’evoluzione delle lampadine.

#3 Led

Tecnologia e risparmio energetico. Potresti essere sulla buona strada per raggiungere uno standard di vita all’altezza delle tue potenzialità.

#4 Tubo neon

O sei in un ufficio o ami la luce psichedelica. Ami gli ambienti freddi. Se è un neon bianco fai uso di droghe.

#5 Lampadina d’annata

D’annata/dannata. Sei sull’elenco del WWF per lo spreco d’energia del tuo filamento incandescente. Oppure sei classe 1930.

#6 Faretti

Sappiamo benissimo che il tuo scopo non era avere luce, ma l’effetto funziona. I faretti possono essere sul soffitto o in terra. Faretto a terra è solo per esibizionismo però fa ambiente. Il faretto a soffitto: non ti spaventa il costo dell’elettricista e cerchi l’apparenza più della sostanza.

#7 La luce riflessa (lama di luce)

Segui le tendenze del mercato e ti piace a luce diffusa. Sei un tipo solare, ami la vita.

#8 Lampadario

Complimenti alla donna delle pulizie che ogni mese lo deve ripassare. Complimenti a te perché per mettere un lampadario adeguato avrai 100 metri quadrati di soggiorno. Nobili.

#9 Candele

Se usi le candele sei una donna. Profumate, ricercate, spesso più costose di un vestito. Purtroppo non aiutano a trovare l’uomo giusto. Vedo-non-vedo… la fregatura.

#10 Lampade a sospensione

O abiti in un loft o tuo padre ha un’officina. Pratiche da pulire, luce ad alto rendimento. Per gente pratica, concreta.

 

#11 Lampade dell’Ikea.

Nomi incomprensibili, talvolta pratiche, talvolta inutilizzabili. Per studenti o per chi rompe spesso le lampade.

CONDIVIDI
Articolo precedenteLa strana storia di Sciur Sciavatta, l’uomo che si faceva pagare per piangere
Articolo successivoIl milanese con il nome più brutto della storia
Ivan Salvagno
Milanese. Cittadino civico, indipendente, visionario, "spronatore" di politici. Imprenditore nel settore informatico dal 1997. Seguo con interesse la vita della nostra Milano, partecipo ai comitati (veri) e alle battaglie civiche della nostra Milano. Osservatore / conoscitore / critico dei lavori pubblici, specialmente su Milano; inclusi scempi, sprechi di denaro pubblico e superfetazioni edilizie. Ideatore della pagina https://www.facebook.com/noasfaltoit/ per la sistemazione e tutela del pavé. Pretendo una Milano etica e nuovamente Capitale Morale. Vivibile, ecologica, innovativa ma che rispetti e valorizzi il passato. Sostenitore della città d’acqua; dalla riapertura dei Navigli alla riattivazione delle rogge e sempre nel rispetto della bellezza originaria dei luoghi. Amante dell’eleganza milanese, difensore dei "classici": pavé, tram, case di ringhiera, cascine, etc.