10 scorci incantevoli che si trovano andando in giro in scooter a Milano

naviglio Martesana - Davide Cossu Berte
naviglio Martesana - Davide Cossu Berte

Sono forse le ultime occasioni per godersi i colori di Milano su due ruote prima del grigio inverno. Ecco 10 scorci di Milano che amo particolarmente girando in scooter.

10 scorci incantevoli che si trovano andando in giro in scooter a Milano

#1 Via XX settembre – Viale Alemagna 

Prendere Via Venti Settembre, quello con le ville dell’alta borghesia, in direzione Triennale. A un certo punto la sorpresa: in fondo la strada si apre in due curve una a destra e una a sinistra, con dei gradini in mezzo, la strada si ricongiunge sul ponticello sopra i binari, arrivando davanti all’ingresso della Triennale. Da lì a sinistra si scende in via Moliere, una strada ricca di alberi, andando in direzione del Sempione.

viaventisettembre. da google earth
viaventisettembre. da google earth

#2 Corso Sempione

Direzione Arco della Pace con dietro il Castello. Strada ampia, si respira aria di Champs Elisee.

corsosempione
corso sempione – google earth 

#3 Corso Garibaldi 

Una delle soddisfazione a girare in scooter è che si possono percorrere strade chiuse alle auto. Una di queste è corso Garibaldi. Da prendere proseguendo da via Mercato in direzione Porta Nuova. Splendido veder spuntare in fondo i grattacieli sopra le case della vecchia Milano.  

garibaldi
corso garibaldi – google earth

#4 Cavalcavia Bussa

 Questo è un punto che mi piace un sacco da percorrere in scooter. Arrivando da Porta Nuova si prende via Maurizio Quadrio, una curva e si sfreccia sul cavalcavia che mi sento Goldrake. Di sopra si gode un particolare scorcio della città e dei grattacieli. Alla fine si fa una specie di chicane che porta nel quartiere Isola.

bussa
ingresso cavalcavia bussa – google earth

#5 Naviglio Martesana

 E’ rinomato come il paradiso dei ciclisti, ma presenta numerosi scorci incantevoli anche a percorrerlo in scooter. Da prendersi da Viale Monza (il punto che si interseca il naviglio è stupendo da entrambe le parti) e poi si scende lungo via Bertelli, tenendo poi la direzione dell’Adda per scoprire l’antica riviera di Milano.

naviglio Martesana - Davide Cossu Berte
naviglio Martesana – Davide Cossu Berte

#6 Idroscalo

Già da Viale Forlanini ci si gode il verde del parco e la strada si fa larga. Poi si arriva al curvone prima di Linate e sembra di trovarsi in un bosco, costeggiando tutto il perimetro dell’Idroscalo. Passando dal Luna Park di Novegro ci si sente un po’ a Coney Island a New York.

idroscalo - google earth
idroscalo – google earth

#7 Via Porlezza e altre viuzze dietro il Duomo

Percorrere strade quasi deserte a due passi dal Duomo? Si può, prendendo il vicolo San Giovanni sul Muro all’altezza del Dal Verme  da qui ci si può sbizzarrire su Via Porlezza, Via Giulini e altre vie strette e poco frequentate.

viaporlezza
via Porlezza – google earth

#8 Via Montenapoleone

Via Montenapoleone mi intriga per due ragioni. La prima è che si entra dal mezzo, da via Pietro Verri, e da lì si può decidere se andare a destra in Piazza San Babila o a sinistra in via Manzoni. Entrambi i tratti sono a senso unico. La strada è quasi sempre affollata di pedoni ma è piacevole da percorrere a passo d’uomo in un’atmosfera straniante di turisti e personal shopper.

via montenapoleone - google earth
via montenapoleone – google earth

#9 Via Salmoiraghi

 Mi piace molto percorrere le vie nei pressi della Montagnetta. Dalla circonvallazione prendere via Angelo Salmoiraghi e ci si ritrova immersi nel verde fino a cingere il MonteStella da Santa Maria nascente.

santamarianascente google earth
santamarianascente google earth

#10 San Cristoforo

Concludo con quello che era considerato il faro di Milano. Da raggiungere sul lato di Alzaia Grande, non su Ludovico il Moro che ha il pavè incubo per ciclisti e scooteristi. Un angolo bellissimo che si apre sulle nuove frontiere di Milano.

Alzaia Naviglio Grande - google earth
Alzaia Naviglio Grande – google earth