I 10 modi migliori per prendere una MULTA a Milano

A Milano danno una multa ogni 9 secondi. Facciamoci tutti un bell’applauso. Non tanto perché siamo disattenti o antisociali, quanto per la pazienza di venire munti in questo modo.

Comunque le multe non sono tutte uguali. Adesso ci facciamo un bel ripassino delle classicone.

multa a MilanoI 10 modi migliori per prendere una multa a Milano

 

#1 Parcheggiare sul marciapiede

Devi capire l’umore del vigile e se è tollerato, perché in molti posti è più facile venire multati parcheggiando negli appositi spazi che sulle aiuole.

#2 Strisce bianche, blu e gialle

Bianche, niente multa. Blu paghi e la multa te la fa l’ausiliario. Giallo: residente o portatore di handicap. Il fatto è che le bianche non le ha mai viste nessuno.

#3 ZTL

Con telecamere fissate in alto e cartelli ben visibili. Tuttavia, per quanto uno studi la geografia della ZTL prima o poi ci cade dentro.

#4 Divieti di accesso

Divieto esclusi mezzi strani o orari. Nemmeno sulla Divina Commedia c’erano tutte queste esclusioni. Dopo che hai letto tutto hai più dubbi di prima.

#5 Cartello con lunghe descrizioni

Per leggere tutte le esenzioni, gli orari, le deroghe all’accesso, hai preso la multa per divieto di sosta.

#6 Corsie preferenziali

Ho scoperto mio malgrado che non si chiamano preferenziali perché puoi fare come preferisci.

#7 Area C

Non hai guardato l’orologio, hai superato il numero di ingressi o ti sei dimenticato di pagare.

#8 Autovelox

Non sei milanese se non hai preso almeno una volta una multa sul Ghisallo all’arrivo dell’autostrada. Il flash non è quello di Corona.

#9 Multe seriali

Entri più volte nello stesso accesso non consentito e ti arrivano trenta verbali. Alla quantacinquesima multa ti rendi conto che non potevi passare di lì. Lavori forzati, mutuo o fuga all’estero.

#10 Multa per multe non pagate o pagate in ritardo

Multa della dimenticanza. Pensi di qui, pensi di là, e ti sei dimenticato la multa. Un classico.

IVAN SAL

Leggi anche:
10 città stato del mondo che possono ispirare Milano
Milano città stato: la rivoluzione inevitabile per uno stato allo sbando
E ora Milano città stato! Se non lo fa l’Italia, si può chiederlo all’Europa
Milano città stato sarebbe un bene soprattutto per l’Italia
Primo passo del consiglio comunale verso milano città stato
Corrado Passera: Milano città stato è il più interessante progetto che ci sarà in Europa nei prossimi anni
“Proviamoci. Mi impegnerò personalmente”. Beppe Sala a Milano città stato

VUOI CONTRIBUIRE ANCHE TU A TRASFORMARE IN REALTA’ IL SOGNO DI MILANO CITTA’ STATO?
SERVE SCRIVERE PER IL SITO, ORGANIZZARE EVENTI, COINVOLGERE PERSONE, CONDIVIDERE GLI ARTICOLI, PROMUOVERE L’ISTANZA, AIUTARE O CONTRIBUIRE NEL FUNDING, TROVARE NUOVE FORME UTILI ALL’INIZIATIVA.
SE VUOI RENDERTI UTILE, SCRIVI A INFO@MILANOCITTASTATO.IT (OGGETTO: CI SONO ANCH’IO)

 
CONDIVIDI
Articolo precedente5 chicche vintage a Milano – MAPPA
Articolo successivoClassifica del Times 2015-16. Disastro Milano: nessuna università nelle top 200 del mondo.
Ivan Salvagno
Milanese. Cittadino civico, indipendente, visionario, "spronatore" di politici. Imprenditore nel settore informatico dal 1997. Seguo con interesse la vita della nostra Milano, partecipo ai comitati (veri) e alle battaglie civiche della nostra Milano. Osservatore / conoscitore / critico dei lavori pubblici, specialmente su Milano; inclusi scempi, sprechi di denaro pubblico e superfetazioni edilizie. Ideatore della pagina https://www.facebook.com/noasfaltoit/ per la sistemazione e tutela del pavé. Pretendo una Milano etica e nuovamente Capitale Morale. Vivibile, ecologica, innovativa ma che rispetti e valorizzi il passato. Sostenitore della città d’acqua; dalla riapertura dei Navigli alla riattivazione delle rogge e sempre nel rispetto della bellezza originaria dei luoghi. Amante dell’eleganza milanese, difensore dei "classici": pavé, tram, case di ringhiera, cascine, etc.